Enzo d’Errico, Direttore Corriere del Mezzogiorno

A cura della Redazione Nagorà

Mettere in rete le esperienze, diventare una comunità: ecco ciò che manca a Napoli. L’ha detto il cardinale Sepe nei giorni scorsi, durante un Forum al Corriere del Mezzogiorno, e lo ripetono da tempo le voci più autorevoli della città. Quest’antica e ostinata assuefazione a perseguire il fine privato a scapito dell’interesse pubblico, a non spingere gli occhi oltre il piccolo orto di casa, è probabilmente la radice delle nostre sconfitte: il dna conservatore del notabilato che vince sulla natura progressista dell’impresa, il censo (sociale o clientelare) che seppellisce la meritocrazia,  il moderno feudalesimo che ha cambiato il volto delle istituzioni, il diritto che cede il passo al favore. L’assenza di civismo – perché di questo alfine si tratta – ha impoverito (da ogni punto di vista) Napoli e l’intero meridione. Ma è giunto il tempo di far sì che le energie vitali (sono ancora tante) tornino a pompare sangue giovane nelle arterie di questa metropoli europea, unica per ricchezza di patrimonio artistico e ambientale.  La piattaforma telematica allestita dall’Acen va senza dubbio in tale direzione. Guarda al futuro. Ossia a quel punto cardinale che abbiamo smarrito. E senza il quale nessuna rotta è possibile.

Enzo d’Errico –Direttore responsabile Corriere del Mezzogiorno

17 dicembre 2015

 

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi Inserimenti
Instagram
  • Instagram Image
  • Instagram Image
  • Instagram Image
  • Instagram Image
  • Instagram Image
Ultimi Tweet

Fondi UE, serve una visione diversa. Nando Santonastaso e gli economisti Giannola, @massimolocicero Musella e @RRealfonzo da oggi su Nagora

Contatti
Tel : 081-7172111
Email : nagora@nagora.it
Indirizzo : Piazza dei Martiri, 58 - 80121 Napoli