Francesco Tuccillo , Presidente Acen

A cura della Redazione Nagorà

“La città ha premiato la nostra amministrazione”. Così Luigi de Magistris ha commentato il risultato delle elezioni amministrative. L’entusiasmo per la sua vittoria, per la “rivoluzione che si fa governando” è stato palpabile, almeno nei supporters, in quella fetta di città che ha votato con fiducia il sindaco uscente.

Ma a noi imprenditori, a tutti coloro si misurano ogni giorno con l’inconfutabilità dei numeri, tocca fare i conti con la realtà, senza influenze o simpatie politiche. E partire dall’osservazione dei dati, dei fatti che si sviluppano o faticano a emergere per farsi nuova materia e, dunque, nuovo lavoro e nuove opportunità sul territorio.

In questi anni abbiamo denunciato, con senso di responsabilità, quanto ci sembrava non funzionasse, numeri alla mano: ricordo che nei 7 anni di crisi il settore edile ha perso 40.000  addetti in Campania e il crollo, è del tutto evidente, non è ascrivibile ai soli livelli locali dell’Amministrazione. Ma a un insieme di concause che, come gli scienziati insegnano, generano risultati.

Le responsabilità della “politica” rispetto allo sviluppo (in buona parte mancato) del Meridione sono evidenti, ma non si può non registrare, come abbiamo detto più volte, un ritardo programmatico e attuativo su alcune direttrici fondamentali per lo sviluppo, che risulterebbero almeno capaci di innescare virtuose spirali di crescita tali da dare respiro all’economia locale e chance di riscatto o di assorbimento ad una quantità di forza lavoro, anche qualificata, costretta ad “accontentarsi” o cercare “altri lidi” in altre parti d’Italia o del mondo. Sono circa 5.000, infatti, i laureati che ogni anno abbandonano la città, per citare un altro dato.

Tocca allora lavorare sulla rigenerazione urbana, sul “riammagliamento” delle periferie con il centro, investire seriamente nelle infrastrutture, ridare corpo e dignità ad uno dei centri storici più ricchi e ampi d’Europa. Mettere in rete le bellezze, assolutamente straordinarie, del nostro territorio e renderle “appetibili” con una politica di marketing strategico, orientato al risultato di medio e lungo periodo. Ancora, ristrutturare  e valorizzare l’enorme  patrimonio pubblico ancora sotto utilizzato, innovare la strumentazione urbanistica e spendere al meglio ogni risorsa che proviene dall’Unione Europea. Dunque, è fondamentale l’apertura del sindaco alla “massima collaborazione con il Governo e la Regione”, perché sono troppe e troppo importanti le partite ancora aperte sul territorio. Tra queste, la rinascita di Bagnoli,  la rifioritura di quartieri un tempo industriali ad est della città, la riqualificazione ambientale delle Vele di Scampia e la crescita integrata delle aree ad ovest di Napoli fino a Campi Flegrei, in un’ottica di Città Metropolitana.

L’Acen su tutti i temi e le opportunità urbanistiche ed economiche appena accennate  è pronta a fare la propria parte, nei limiti e nel rispetto dei ruoli e delle specifiche peculiarità, nella consapevolezza che un buon progetto di città e una proficua sinergia pubblico-privata costituiscano i presupporti per la crescita “di sistema” del tessuto economico e sociale del territorio.

Francesco Tuccillo , Presidente Acen

24 giugno 2016

Un commento per questo articolo “Francesco Tuccillo , Presidente Acen”

  1. Giuseppe Nasti scrive:

    Pienamente d’accordo. Come fare progetti che non rimangono sulla carta. Bisogna saper rendere appetibile il nostro territorio. Chiamare le grandi Banche e i grossi gruppi immobiliari anche stranieri, insieme ai nostri imprenditori per avviare grandi progetti. Bisogna però e forse questo è l’aspetto più importante saper finanziare e dare vigore al restauro del centro antico favorendo i piccoli proprietari e i piccoli condomini con la necessaria assistenza finanziaria e tecnica amministrativa favorendo così la messa in sicurezza del loro patrimonio immobiliare. Grande ancora deve essere l’ammodernamento di una moderna rete fognaria e dell’acquedotto. Non ultima è la rete di metropolitane e di collegamenti con altre funicolari cittadine.

 

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi Inserimenti
Instagram
  • Instagram Image
  • Instagram Image
  • Instagram Image
  • Instagram Image
  • Instagram Image
Ultimi Tweet

Fondi UE, serve una visione diversa. Nando Santonastaso e gli economisti Giannola, @massimolocicero Musella e @RRealfonzo da oggi su Nagora

Contatti
Tel : 081-7172111
Email : nagora@nagora.it
Indirizzo : Piazza dei Martiri, 58 - 80121 Napoli