Michelangelo Russo, Professore Ordinario di Urbanistica, Università degli Studi di Napoli Federico II

A cura della Redazione Nagorà

La rigenerazione urbana è una strategia complessa a molti attori che opera su una molteplicità di valori, non solo economici. Rigenerare la città significa creare uno sviluppo capace di autoalimentarsi, con forti collegamenti alle comunità, ai contesti territoriali e urbani, con cura per le risorse ecologiche (acqua, suoli, biodiversità) ed il metabolismo urbano (energia, mobilità, scarti, cibo, etc.).

La sostenibilità ambientale coincide con quella sociale: rigenerare vuol dire pensare un’urbanistica attenta alle persone e al loro futuro, ai loro modi di vivere, di abitare, di attraversare il territorio.

Sviluppo non è più solo espansione edilizia, in un ambiente in crisi per il superamento dei suoi limiti ecologici: è riciclo dei tessuti urbani in declino, senza consumo di suolo, valorizzazione delle risorse ambientali e paesaggistiche; è disegno dello spazio aperto pubblico, di parchi e aree verdi, di infrastrutture dolci; è recupero della città storica e consolidata, nonché creazione di un nuovo welfare materiale aperto e innovativo, per una nuova qualità dell’abitare.

Disaccoppiare sviluppo da espansione è un principio guida per pensare la crescita come azione compatibile con i valori della società, dell’economia e degli ecosistemi: come principio cioè, di un’urbanistica del futuro.

Questa visione dovrebbe mobilitare le forze economiche, imprenditoriali e produttive, le competenze tecniche e professionali, il mondo della ricerca e dell’università, per produrre innovazione e creatività agendo su energia, mobilità sostenibile, waste management, bonifiche e agricoltura, riqualificazione insediativa, nuovi spazi aperti pubblici in una logica produttiva di economia circolare, con riferimento ai settori green.

Questa prospettiva non può essere solo a carico della finanza pubblica e il suo volano deve essere un grande progetto pubblico volto a incentivare l’investimento privato sulla città, che coinvolga il patrimonio immobiliare obsoleto, facendo leva sul mercato e mettendo al centro l’interesse collettivo in un’innovativa idea di città. Si tratta di un equilibrio possibile che richiede competenze e responsabilità da parte della pubblica amministrazione, consapevolezza nel regolare la collaborazione pubblico-privato, conoscenza del patrimonio immobiliare pubblico e capacità di saperlo trasformare in una lungimirante visione di futuro.

E’ necessario “rigenerare” un progetto di città e di territorio per il Mezzogiorno d’Italia, in particolare per Napoli e per la sua città metropolitana: un progetto multiscalare e multisettoriale capace di integrare paesaggio, produzione, infrastrutture, insediamenti e ambiente, attraverso un forte approccio strategico incardinato su una governance multilivello alla scala regionale e metropolitana.

Questa è la sfida che abbiamo davanti per aprire un vero cantiere di futuro: ben venga l’illuminata disponibilità dell’Agenzia del Demanio manifestata dal dott. Roberto Reggi a lavorare in questa direzione; tuttavia, se non sarà sorretta dalla consapevolezza delle nostre Amministrazioni Pubbliche locali che è necessario il rinnovamento dell’urbanistica e della pianificazione del territorio, è una disponibilità che non ci porta lontano.

Michelangelo Russo

Professore Ordinario di Urbanistica, Università degli Studi di Napoli Federico II

Presidente della SIU Società Italiana degli Urbanisti

26 maggio 2016

 

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi Inserimenti
Instagram
  • Instagram Image
  • Instagram Image
  • Instagram Image
  • Instagram Image
  • Instagram Image
Ultimi Tweet

Fondi UE, serve una visione diversa. Nando Santonastaso e gli economisti Giannola, @massimolocicero Musella e @RRealfonzo da oggi su Nagora

Contatti
Tel : 081-7172111
Email : nagora@nagora.it
Indirizzo : Piazza dei Martiri, 58 - 80121 Napoli