Beni culturali: Ance-Confindustria Giovani, noi ambasciatori nel mondo

A cura della nagora

Un po’ imprenditori e un po’ turisti, si sono sentiti così gli industriali under 40 riuniti negli Scavi di Pompei (Napoli) dai Giovani di Confindustria e dell’Ance Campania, convenuti da tutta Italia per il Consiglio centrale congiunto ‘Impresarte’ che ieri ha fatto tappa alla Reggia di Caserta e oggi nella città archeologica vesuviana. ”Siamo oltre 300, da oggi ambasciatori nel mondo di questo patrimonio ineguagliabile e invidiato dagli imprenditori internazionali, che ci criticano perché non siamo capaci di valorizzarlo”. Marco Gay, presidente nazionale dei Giovani di Confindustria è sorpreso e amareggiato. ”L’Italia possiede 51 siti Unesco. Dobbiamo passare dall’invidia che il mondo esprime, all’ammirazione per la gestione che oggi non ci pone ai primi posti – spiega il leader degli junior di Confindustria – Non più solo conservazione, quindi, ma crescita di questo patrimonio”. L’obiettivo dei Giovani di Confindustria e Ance è promuovere strategie per ”riconquistare un primato internazionale” spiega lo studio Pwc presentato da Mauro Panebianco nel Convegno ”Industria, cultura, creatività: Laboratorio Campania” nell’Auditorium degli Scavi di Pompei. Il contributo economico del turismo in Italia è pari a 185 miliardi, con un’incidenza del 13 per cento sul Pil. L’Italia conta 51 Siti Unesco e 53 milioni di arrivi ogni anno. Rappresenta il 4 per cento del totale dei flussi turistici internazionale. Il complesso di musei, monumenti e siti archeologici italiani ammonta a 4.588 siti. Ma i ricavi da biglietteria dei nostri siti culturali è di 136 milioni di euro contro, ad esempio, un fatturato per attività museali in Uk nel 2014 di circa 600 milioni di euro. Sorpresi e scandalizzati i giovani imprenditori italiani per la qualità scarsissima del sistema dei trasporti di cui può fruire il turista che vuole raggiungere Pompei e Caserta. ”Un’integrazione tra reggia di Caserta e Scavi di Pompei, in termini di trasporti e tour – propone Roberta Vitale, presidente nazionale Giovani dell’Ance – è un obiettivo da considerare per incrementare le visite”. L’appello alle istituzioni è a un maggiore dialogo. ”Pensiamo che il pubblico abbia il compito di conservare questo grande valore costituito dal patrimonio naturale, storico e architettonico del nostro Paese. Ma – aggiunge Roberta Vitale – ai privati va il compito di renderlo fruibile. Faccio l’esempio di piazza del Plebiscito a Napoli. È stata valorizzata quando si è deciso di liberarla dai parcheggi e dal traffico. Ma poi è rimasta un deserto, non è come piazza San Marco a Venezia”. Nunzia Petrosino, presidente Giovani di Confindustria Campania, e Susanna Moccia, leader degli junior dell’Unione industriali di Napoli, propongono progetti di start up per arricchire l’offerta culturale e ricettiva dei siti campani che ora può contare su ”una sensibilità speciale delle istituzioni rispetto a questo settore” dimostrato dalla presenza al convegno di Amedeo Lepore, assessore alle attività produttive della Regione Campania, e Mario Casillo, Delegato della Regione del Grande Progetto Pompei. Il ”Laboratorio Campania”, su cui insiste il presidente dei Giovani Acen, Antonio Giustino, è pronto a partire, sostenuto da Ennio Rubino, presidente del Distretto Tecnologico per l’Edilizia Sostenibile – Stress Scarl -. ”Bisogna rendere redditizi questi luoghi – insiste Gay – assicurare royalties a chi investe, organizzando e aprendo questo mondo alle convention, a chi viene dall’estero. Occorre pensare ai 5 milioni di visitatori come potenziali consumatori, chi non sarebbe pronto allora a investire qui, creando indotto? Ma per carità, serve una politica istituzionale mirata alla riqualificazione delle strutture ricettive e dei trasporti secondo gli standard europei, dai quali, al momento siamo molto distanti”.
Fonte: Ansa

2 maggio 2016

 

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi Inserimenti
Instagram
  • Instagram Image
  • Instagram Image
  • Instagram Image
  • Instagram Image
  • Instagram Image
Ultimi Tweet

Fondi UE, serve una visione diversa. Nando Santonastaso e gli economisti Giannola, @massimolocicero Musella e @RRealfonzo da oggi su Nagora

Contatti
Tel : 081-7172111
Email : nagora@nagora.it
Indirizzo : Piazza dei Martiri, 58 - 80121 Napoli