Servirebbe un esame di coscienza

A cura della Redazione Nagora

Mi è stato chiesto di intervenire a proposito delle “Vele” di Scampia perché quasi venti anni fa, in un articolo pubblicato da “la Repubblica” il 5 settembre 1997, sostenevo che andavano demolite. Adesso non mi sono chiari i motivi per i quali ancora se ne vorrebbe conservare una. Un simulacro dell’errore madornale commesso? La “Vela” superstite, da riqualificare spendendo altri quindici milioni, dovrebbe contenere uffici e servizi di una Città Metropolitana.

Al di là delle responsabilità di coloro che vi sono stati direttamente coinvolti, le vicende delleVele” e di interventi non troppo dissimili a Roma, Genova, Trieste e altrove imporrebbero in generale un severo esame di coscienza, sia da parte degli esponenti più in vista della categoria dei progettisti, sia da parte dei committenti.

foto01-melograni

Come è stato possibile concepire architetture del genere e realizzarle con l’esplicito avallo autorevole di personalità niente affatto secondarie operanti nel nostro campo? Come mai, conoscendo le condizioni degli enti che avrebbero dovuto costruirle e poi gestirle, gli sono stati affidati complessi edilizi senza uguali (o quasi) in Europa? Come spiegare che i committenti non siano stati consapevoli dei limiti delle risorse, non solo economiche, delle quali effettivamente disponevano e si siano lasciati trascinare in imprese tanto più grandi di loro?

 Carlo Melograni – Urbanista, premio Presidente della Repubblica per l’Architettura

23 marzo 2017

 

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi Inserimenti
Instagram
  • Instagram Image
  • Instagram Image
  • Instagram Image
  • Instagram Image
  • Instagram Image
Ultimi Tweet

Fondi UE, serve una visione diversa. Nando Santonastaso e gli economisti Giannola, @massimolocicero Musella e @RRealfonzo da oggi su Nagora

Contatti
Tel : 081-7172111
Email : nagora@nagora.it
Indirizzo : Piazza dei Martiri, 58 - 80121 Napoli